Stampa
PDF

Anche la CISL a favore della legge che punisce i clienti delle prostitute

Qualcosa si muove anche al di fuori dell'associazionismo per sostenere la proposta di legge che definisce REATO "l'acquisto di prestazioni sessuali"

Anche la CISL a favore della legge che punisce i clienti delle prostitute

La Cisl raccoglie le firme dei lavoratori per sostenere la proposta di legge in Parlamento. «Chi va con una prostituta deve pagare come chi la sfrutta». Lo ha detto Annamaria Furlan, leader della CISL, durante il XVIII Congresso Confederale del sindacato.

«Tante volte mi viene voglia di gridare basta. Basta violenze. Basta discriminazioni. Basta sfruttamento. La missione di un sindacato è anche questa. Come ci ha chiesto l’altro ieri papa Francesco, è stare vicini agli ultimi, alle persone più deboli, più vulnerabili. È prenderle per mano e battersi al loro fianco. Basta donne sfruttate, violentate, picchiate: sono sicuramente la periferia a cui dobbiamo guardare con impegno e intensità»

Anche la CISL a favore della legge che punisce i clienti delle prostitute
Annamaria Furlan, segretario generale CISL
Annamaria Furlan parla sottovoce, continuando a tenere gli occhi fissi sui dati che si accavallano in uno studio della 'Papa Giovanni XXIII', l’associazione fondata da don Oreste Benzi (e ora guidata da don Aldo Buonaiuto) da sempre in prima linea nella lotta alla prostituzione. Centomila donne in Italia costrette a vendere il loro corpo. Il 65 per cento lo fa per strada. Il 37 per cento ha tra i 13 e 17 anni. La segretaria della Cisl legge e scuote la testa.

«Mi ha sempre fatto male vedere queste ragazzine schiavizzate. Una piaga della società di fronte alla quale troppo spesso ci si volta dall'altra parte. Si fa finta di nulla. Come è possibile non provare indignazione? Come è possibile tutta questa indifferenza?». Per qualche istante Furlan resta silenziosa. Pensa alle strade della sua Genova. A quelle di Roma. Alle ragazzine con i sorrisi maliziosi dietro i quali si apre una voragine di tristezza. Pensa al dramma della prostituzione e a una «società troppo spesso indifferente, a istituzioni distratte, a una politica svogliata»

Pensa e, senza cambiare tono di voce, lancia la sfida sua e del sindacato che guida: «Serve una legge che punisca i clienti. Serve fermare la domanda: chi va con una prostituta deve pagare come chi la sfrutta». Furlan prova ad allontanare l’emozione allargando la riflessione al congresso della Cisl. Ma il tema scelto ci tiene inchiodati al dramma delle donne sfruttate: Per la persona, per il lavoro. «C’è molto papa Francesco in queste sei parole», ripete Furlan che poi cita a memoria Bergoglio: «Sfruttare la persona è un crimine, sfruttare una donna lo è ancora di più. Significa distruggere l’armonia»

Donne costrette a prostituirsi. Donne vittime di violenze. Lo sfruttamento ha tanti volti
Tutti terribilmente amari. Così diversi e così drammatici. Penso sempre alle braccianti della Puglia. Alle prepotenze dei 'caporali'. Alle vite di queste donne insultate, maltrattate, costrette a lavorare anche venti ore di fila. Che Paese è questo dove la dignità della donna può essere calpestata in maniera così scellerata? Tante, troppe, ingiustizie. C’è un mondo femminile ancora discriminato in troppi luoghi luoghi di lavoro dove ancora si fatica ad accettare che una donna possa avere le stesse possibilità di un uomo di fare carriera e di guadagnare.

Tutti gli studi confermano questi dati, ma c’è un Paese sordo, una politica sorda, una società sorda. E le donne sempre penalizzate. Opportunità per le donne? Una classifica ci relega al centoundicesimo posto su 145 Paesi.

I dati tante volte pesano più delle parole. L’occupazione delle donne è al 48,5 contro il 66,9 degli uomini. No, non è normale. L’Italia cerca di rialzare la testa e invece una partecipazione femminile al lavoro così bassa ostacola lo sviluppo socio economico. Soluzioni? Proviamo a ripristinare forme di sgravi fiscali o incentivi all'assunzione di donne giovani. Concentriamo l’attenzione sulle under 35 e sulle neo mamme. Qualcosa si può, anzi si deve fare. Per le donne italiane e per quelle immigrate. Promuoviamo momenti di orientamento e di formazione: possono agevolare l’ingresso nel mercato del lavoro e contrastare le troppe forme di discriminazione.

Ci sono anche le giovani prostitute strappate alla strada dall'Associazione Papa Giovanni XXIII
C’è una violenza che scuote la società e che inchioda il Parlamento alle proprie responsabilità: la lotta al femminicidio ha dato risultati. Ma c’è una violenza 'silenziosa' e ugualmente terribile: lo sfruttamento di giovani corpi. L’uomo che tira l’acido sul volto di Lucia Annibali, sfregiata quattro anni fa con l’acido dal suo ex, e quello che costringe una ragazzina a prostituirsi non sono diversi.

C’è in Parlamento una proposta di legge che parla chiaro. Punire i clienti per fermare la prostituzione. La Cisl è pronta. Raccoglierà firme in ogni posto di lavoro per sostenerla. Per darle forza. Chi va con una prostituta si rende complice di un crimine e vogliamo una Cisl capace di ribellarsi, di alzare la voce, di lanciare una sfida a viso aperto, di gridare 'basta ipocrisia e basta indifferenza'. È una scelta pensata, fortemente pensata. Non c’è un calcolo, c’è solo l’amore per la persona.

Ci ho pensato e mi sono detta 'avanti, è una battaglia giusta'. È commovente il lavoro della 'Giovanni XXIII': non si può fare finta di nulla quando esseri umani vengono trattati come merce. Comprati e venduti. Utilizzati come manodopera o sfruttati sessualmente. Voglio una sollevazione della Cisl. Voglio un sostegno forte e contagioso a una campagna per cambiare la legge.

Non mi convince l’idea che ci possa essere la libertà sessuale di chi va con le prostitute. È una “libertà” esercitata nei confronti di una persona che non è libera e non ha scelta. Ho visto quelle ragazze. Le ho ascoltate guardandole negli occhi: ragazzine strappate ai loro Paesi, piccole incapaci di difendersi. Non credo a una prostituzione libera. Credo a una catena di sopraffazioni che va spezzata. È la domanda che fa il mercato, che dà impulso alla tratta e allo sfruttamento. È la domanda che alimenta la schiavitù.

In tanti Paesi del Nord Europa dove è stata introdotta una legge che punisce il cliente c’è stata una bella rivoluzione. In Svezia il numero di persone che si prostituiscono è diminuito del 65 per cento, in Norvegia del 60. E parallelamente si è anche modificata l’opinione pubblica: prima era a favore della criminalizzazione del cliente il 30 per cento della popolazione, oggi il 70. Ecco perché dico 'è ora di farlo'.

Insieme a tutte le forze sane del Paese. Insieme a chi, con noi, dice basta ipocrisia

Anche la CISL a favore della legge che punisce i clienti delle prostitute

I numeri dello sfruttamento
(Fonte Comunità Giovanni Paolo XXIII)
In Italia si stimano intorno a 9 milioni i clienti di prostitute, 2,5 milioni i “fruitori” abituali di prestazioni a pagamento.
Tra 100 e 120.000 il numero totale delle donne vittime di sfruttamento della prostituzione, delle quali il 37% sono minorenni.
il 65% si prostituiscono in strada
il 35% si prostituiscono nei locali (alberghi, appartamenti, nightclub e privé)
Nazionalità
Nigeria 36%
Romania 22 %
Albania 10,5%
Bulgaria 9%
Moldavia 7%
Ucraina 6%
Cina 5%
altri paesi dell’Est 4,5%
Età
37% dai 13 ai 17 anni
52% dai 18 ai 30 anni
11% sopra i 30 anni
Tipologia delle violenze subite
56% violenze sessuali
32% violenze fisiche
12% violenze psichiche
I Clienti
23% celibe
77% sposato
Frequenza delle prestazioni a pagamento
15% ogni settimana
75% ogni due settimane
10% ogni mese
Tipologia della prestazione
30% rapporti protetti
70% rapporti non protetti
Richieste del cliente
43% prestazione sessuale normale
30% prestazione sessuale particolare
10% sesso di gruppo
11% conversazione
6% maltrattamenti
Ceto sociale del cliente
56% medio alto
21% alto
13% medio basso
10% basso
Età del cliente
43% 40-55 anni
21% 25-39 anni
17% 56 in poi
14% 18-24 anni
5% minorenni


Condividi la nostra Campagna Informativa
"Le Ragazze di Benin City"
- clicca qui -


Articolo a cura di
Maris Davis
Condividi su Facebook

 

rssfeed
Email Drucken Twitter FacebookWebSzenario

Video in Primo Piano