Stampa
PDF

Gas Flaring nel Delta del Niger, Sud Nigeria

Scritto da Maris Davis Joseph.

0000000

Il Gas Flaring è un gas dissociato, e si trova nella parte superiore dei giacimenti di petrolio. È un gas intrasportabile e deve essere trasformato sul posto con appositi impianti. Dal Gas Flaring si ricava energia elettrica e gas metano.

Il Delta del Niger o Niger Delta è la regione petrolifera della Nigeria che si affaccia sul Golfo di Guinea. Tra il 1967 e il 1970 in quei luoghi fu combattuta una sanguinosa guerra civile, la "Guerra del Biafra", che provocò oltre due milioni di morti. La scoperta del petrolio e i successivi espropri "forzosi" di terre e villaggi per permettere alle compagnie petrolifere di installare i pozzi, provocò la migrazione di milioni di persone nelle regioni più a nord.

Attualmente il Delta del Niger è considerato uno dei posti più inquinati del mondo, una regione grande come la Pianura Padana dove vivono circa 20 milioni di persone. Insieme alla Shell e alla Chevron, l'italiana ENI è una delle compagnie petrolifere più attive in Nigeria, primo Paese esportatore di greggio dell’Africa sub-sahariana con una produzione di 2,2 milioni di barili al giorno.

A dispetto della ricchezza del sottosuolo, però, le popolazioni dell’area del Delta del Niger vivono in condizioni di estrema povertà, alle prese con un estremo degrado ambientale e una costante militarizzazione del territorio. In Nigeria ogni giorno si registrano perdite di petrolio dagli oleodotti, mentre, nonostante una legge federale del 1979 e diversi pronunciamenti delle corti locali, e una legge internazionale del 1989, il Gas Flaring continua ad essere bruciato sul posto senza nessuno scrupolo.

Le compagnie petrolifere utilizzano questo sistema per non dover costruire impianti che trasformino il gas flaring, si stima che la trasformazione del gas flaring della Nigeria potrebbe fornire energia elettrica e metano all'Africa Sub-Sahariana e all'Africa Centrale per centinaia di anni. Sull'intero territorio del "Delta Niger" sono oltre 100 le torri che sprigionano in maniera perenne lingue di fuoco che sputano diossina, benzene, sulfuri e particolati vari. Tanto per fornire qualche dato, secondo delle ONG locali dei 168 miliardi di metri cubici di gas bruciati ogni anno al mondo, 23 (il 13 per cento) provengono dalla Nigeria. In termini di ossido di carbonio, parliamo di 400 milioni di tonnellate, ovvero il 25 per cento del consumo annuo di gas degli Stati Uniti.

Le piogge acide conseguenza diretta del Gas Flaring sono tra le principali criticità di una situazione che ha ormai superato i livelli di guardia. Basti pensare che lo scorso agosto un rapporto dell’agenzia ambientale delle Nazioni Unite, l'UNEP (United Nations Environmental Programme) ha certificato che per il solo spicchio di Delta occupato dal popolo Ogoni serviranno 30 anni di bonifiche per riparare gli immensi danni causati dalla Shell.

Tra i casi più eclatanti esaminati dagli esperti dell'ONU c’è quello relativo alla comunità di Nisisioken Ogale, dove il livello del benzene, elemento altamente cancerogeno, eccede di 900 volte il limite previsto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il conto iniziale presentato alla oil corporation anglo-olandese (Shell) ammonta a oltre un miliardo di dollari, ma le organizzazioni della società civile nigeriana parlano dell’esigenza di uno stanziamento di fondi per decine di miliardi per pulire l’intero Delta e mondarlo dalle conseguenze delle attività di tutte le multinazionali.

Tra queste ultime, come detto, c’è la compagnia del cane a sei zampe (per il 31 per cento ancora di proprietà statale), ovvero l'ENI, il cui operato nel sud della Nigeria durante l'ultima assemblea degli azionisti a Roma è stato l'oggetto delle critiche di Godwin Ojo, direttore e cofondatore di Environmental Rights Action, tra le più importanti ONG del Paese africano. Nonostante le sue dichiarazioni pubbliche, l'ENI ha fatto poco o nulla per ridurre il Gas Flaring.

Anche negli ultimi mesi si sono verificati sversamenti di petrolio sul terreno da impianti dell'ENI nello Stato di Bayelsa. Purtroppo nei confronti della popolazione non sono state accordate compensazioni, né si è proceduto a bonificare i terreni e i corsi d'acqua inquinati. Per quanto tempo ancora bisognerà assistere a questo ecocidio senza che le compagnie intervengano.

Tale situazione continua ad alimentare lo scontento delle comunità, che inoltre lamentano la mancanza di aiuti e dialogo con l'AGIP. Non a caso in Nigeria è in crescita il numero di persone e organizzazioni che chiedono lo stop alle trivellazioni e che il petrolio sia lasciato nel sottosuolo. Alle multinazionali, rimarrebbe solo il compito di dare inizio alle opere di bonifica. Prima che sia troppo tardi.



Il Gas Flaring che brucia in continuazione provoca un panorama desolante, nuvole che oscurano i giorni e fiamme che accendono le notti. La ricaduta al suolo delle sottilissime polveri bruciate provoca "rossore permanente agli occhi", "tumori alla pelle" e "gravi problemi respiratori" .. e le piogge non sono acqua ma "acido" che rende aridi i terreni coltivati.

Leggi questo articolo su facebook
- clicca qui -
- Download Opuscolo "Niger Delta" -



rssfeed
Email Drucken Twitter FacebookWebSzenario

Video in Primo Piano