Stampa
PDF

Sempre più schiave sessuali, nonostante la crisi

Sempre più schiave sessuali, nonostante la crisi

Il 2014 è stato un anno orribile per le "nostre" Ragazze di Benin City. Le Associazioni di volontariato ci forniscono dati e notizie che danno il senso di un "cambiamento" .. in PEGGIO. Ci sono "scale" molto più basse di quella di andare a puttane, sesso in cambio di soldi, ma la depravazione umana non ha fine.

La crisi aguzza l'ingegno, e la mafia nigeriana ha sempre saputo tenersi aggiornata e adattarsi ai cambiamenti.

Ragazze di Benin City "usate" per

  • riprese di video hard da sfruttare in rete,
  • uteri in affitto, fai un figlio per me e per mia moglie che ti paghiamo,
  • ti pago di più se mi permetti di filmare il nostro rapporto sessuale,
  • ti sposo (prostituzione per matrimonio), tu avrai il permesso di soggiorno, ma tu sarai per sempre la mia schiava sessuale.
  • Jihad sessuale. Dopo il rapimento delle ragazze di Chibok, molte ragazze nigeriane in Italia sono scomparse, "comprate" dai mussulmani ricchi che vivono in Italia. Abbiamo testimonianze, troppe per non essere vere. Usano le donne di colore, le comprano per offrirle alla Jihad come souvenir.
Sempre più schiave sessuali, nonostante la crisi

Noi siamo in pericolo .. nel denunciare queste cose. Ma ce ne freghiamo. Molte ragazze "border line" hanno ripreso a prostituirsi a causa della crisi economica. Ragazze che sanno "fuggire" perché è l'unico "mestiere" che conoscono.

I tempi si allungano. Se non accetti la perversione, allora la tua schiavitù diventa sempre più buia, e sempre più lunga. Due o tre anni diventeranno nove, e anche dieci .. Piccolo cuore "butterai" al vento i migliori anni della tua vita. Io lo so, ci sono passata.

Ventisettemila ragazze nigeriane, in Italia, vittime di schiavitù sessuale .. Essere stata una di loro mi rende orgogliosa per avere "denunciato" la mafia nigeriana, ma non posso accettare il nuovo scempio. Piccole stelle abbiate il coraggio di denunciare i vostri sfruttatori.

Venti anni sono passati, nulla è cambiato. Sono arrivata in Italia nel 1994, fui "stuprata" a Torino in quell'anno, ma vedo che nulla è cambiato dopo venti anni. CHE PENA



rssfeed
Email Drucken Twitter FacebookWebSzenario

Video in Primo Piano