Stampa
PDF

Land Grabbing, anche la Nigeria nella morsa della Monsanto

Colonialismo e Land Grabbing, a volte ritornano. A volte mi faccio delle fantasie, se uno storico, tra qualche secolo, dovrà scrivere dei nostri tempi probabilmente sarà costretto a descriverli come tempi di immobilità e di sviluppo fortemente diseguale. Probabilmente sarà costretto a scrivere che lo schiavismo, per esempio, non è finito alla fine dell’ottocentoma si è prolungato, con modalità diverse, almeno fino all’inizio del terzo millennio (si pensi a tutte le miniere illegali in Africa, o alla raccolta della frutta e della verdura in Europa).

Land Grabbing, anche la Nigeria nella morsa della Monsanto
Coltivazioni intensive di olio di palma in Africa
Allo stesso modo dovrà dire del colonialismo che, dopo la fine formale negli anni sessanta, è ricomparso sulla scena. Naturalmente con modalità diverse, adatte ai tempi.

Il riferimento è al fenomeno del "Land Grabbing", letteralmente accaparramento di terre attraverso formule diverse, affitto per alcuni decenni o concessioni. Avviene soprattutto in Africa e in Asia dove diversi paesi sono alle prese con il tentativo di raggiungere l’autosufficienza alimentare. Obiettivo che si fa sempre più irraggiungibile anche per una questione demografica.

In Africa, per esempio, nel 1980 vivevano 469 milioni di persone, oggi hanno superato il miliardo e raggiungeranno una cifra più che doppia nel 2050. Ciò significa che c’è una richiesta sempre maggiore di terra per produrre cibo adatto al consumo locale.

Invece la terra africana oggi viene affittata, concessa a paesi stranieri, quasi sempre di altri continenti, che la utilizzano per produrre cibo per alimentare le proprie popolazioni o biocarburanti per ottenere preziosa energia.

Chi sono questi paesi?Tutti, anche i più insospettabili, Italia compresa. Ma se si deve fare una classifica si nota che al primo posto ci sono gli Stati Uniti che avrebbero ottenuto l’utilizzo di ben sette milioni di ettari di terre nel mondo (buona parte in Africa). Vengono poi Malesia, Emirati Arabi, Regno Unito, India. Insomma paesi che non hanno terre a sufficienza, che sono economie emergenti o potenze della vecchia guardia e che hanno conosciuto importanti incrementi demografici.

Land Grabbing, anche la Nigeria nella morsa della Monsanto
Chi sono i venditori? Al primo posto Papua Nuova Guinea seguita da Indonesia. Subito dietro c’è l’Africa, Sud Sudan, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico. Se a fronte di questi dati si pensa che le terre emerse sono circa 150 milioni di chilometri quadrati, ma le terre adatte all'agricoltura (quindi tolti ghiacciai, deserti, steppe, paludi) sono molto meno. Se si dividono queste per gli oltre sette miliardi di persone che oggi abitano il pianeta Terra si vede che ognuno ha a disposizione circa duemila metri quadrati di terra. È evidente che il fenomeno del Land Grabbing ruba terra a qualcuno, e non è necessario dire a chi.

Seconda costatazione. È evidente che il Land Grabbing è come, e forse peggio del colonialismo. Questo puntava a conquistare e controllare territori per instaurarvi monocolture destinate all'esportazione (in Senegal le arachidi, in Sudan il cotone, in Kenya il Thè, in Costa d’Avorio il cacao). Land Grabbing fa la stessa cosa, con modalità diverse, naturalmente. Utilizzando un sistema “moderno”, quello del mercato che come noto non è affatto democratico.

La Nigeria e il ricatto della Monsanto (multinazionale dell'agro-alimentare). In Nigeria è in corso un conflitto che, oltre al valore economico enorme si può definire anche simbolico e con ricadute pesanti sull'intero continente. Il conflitto riguarda la Monsanto, multinazionale americana dell’agro-alimentare, e una fetta consistente di società civile, un centinaio di organizzazioni di base alle quali fanno riferimento circa cinque milioni di persone.

Land Grabbing, anche la Nigeria nella morsa della Monsanto
Nigeria, proteste contro la Monsanto
Il colosso americano vuole introdurre in Nigeria mais e cotone transgenico, la società civile si oppone duramente tanto che si è arrivati a momenti di forte tensione con il governo federale che, sembra, intenzionato a concedere tutti i lasciapassare alla Monsanto. Non è un caso che la multinazionale faccia pressioni proprio adesso, in Nigeria ma anche in una buona parte dei paesi africani. Una serie di contingenze economiche e politiche infatti sembrano favorevoli.

In primo luogo la crisi economica e il prezzo del petrolio caduto ai minimi storici. Per una paese come la Nigeria, per esempio, è una catastrofe e la diversificazione è diventato un imperativo assoluto. In secondo luogo siccità e carestia che si abbattono su vaste porzioni del continente impongono di sviluppare una agricoltura locale che sappia far fronte ai bisogni della popolazione senza dipendere dalle importazioni. Si tratta di fattori oggettivi che mettono in condizioni di grande debolezza molti paesi.

La Monsanto lo sa e ha avviato la sua offensiva continentale. Gli oppositori nigeriani della multinazionale non temono tanto i danni alla salute che i semi transgenici potrebbero provocare, quanto la totale dipendenza, poi, dall'estero. Questa volta non più una dipendenza che, in momenti migliori, può essere revocata. La dipendenza dai semi diventerebbe "eterna", una sorta di cappio al collo a meno di non diventare, a propria volta, produttore di sementi geneticamente modificati. Ma ci vogliono tecnologie e competenze che in Africa non ci sono.

Monsanto peraltro sa molto bene quello che l’Africa dal punto di vista demografico sarà il continente che crescerà di più nell'intero pianeta. Ciò significa che di una agricoltura intensiva, sicura, non intaccabile da batteri ci sarà un bisogno estremo nel Continente. Che diventerà ancora più dipendente e sottosviluppato, se i piani della Monsanto si realizzeranno.


Leggi anche
Land Grabbing, le terre rubate all'Africa



Articolo di

image

Video in Primo Piano