Stampa
PDF

Trieste. Un'infame mussulmano, richiedente asilo con precedenti per violenza, stupra ragazzina

Diciassettenne violentata alla stazione centrale. Un iracheno di 26 anni. L’ha costretta a seguirlo nel vagone di un treno in disuso approfittando dell'oscurità e, dopo averle fatto bere del whisky, l'ha picchiata, presa a morsi e quindi stuprata.

Trieste. Un'infame mussulmano, richiedente asilo con precedenti per violenza, stupra ragazzina

Vittima della violenza sessuale è una minorenne, una studentessa di diciassette anni che vive a Trieste. È stata abusata da un ventiseienne iracheno, Mekail Govand, un richiedente asilo ospite in una delle strutture di accoglienza cittadine. Un personaggio peraltro già noto sia alle forze dell’ordine che all’ICS (Consorzio Italiano di Solidarietà) per altri episodi di violenza familiare, droga e alcol.

Ci chiediamo, se era "già noto" per episodi di violenza, perché NON era anche già espulso ??

Trieste. Un'infame mussulmano, richiedente asilo con precedenti per violenza, stupra ragazzina
La zona della stazione di Trieste dove è avvenuto lo stupro
Il fatto è avvenuto martedì in tarda serata in Stazione ferroviaria a Trieste. La giovane è stata trovata per terra alle dieci e mezza di sera da tre ragazze in un’altra zona della città, in via della Scalinata nei pressi di viale D’Annunzio. Era in stato di choc. Dalla sua testimonianza, confermata dalle ferite che riportava, è stato possibile ricostruire tutta la drammatica vicenda.

La vicenda. È sera. La ragazza, scende dall'autobus e vede, nei dintorni della Stazione ferroviaria, un uomo riverso a terra. Si preoccupa e decide di soccorrerlo. L’uomo le domanda aiuto e le chiede di accompagnarlo verso i vagoni in disuso. Improvvisamente l’atteggiamento dello straniero cambia radicalmente rivelando le sue reali intenzioni. La ragazzina viene obbligata a bere del whisky da una bottiglia, derubata e quindi violentata. Alla fine riesce a divincolarsi e a scappare.

I soccorsi. Sono tre ragazze ad accorgersi di lei e a soccorrerla, attirando l’attenzione di una volante della polizia che in quel momento sta pattugliando il quartiere. Ha ferite al ginocchio e al viso. La portano al Burlo Garofolo dove viene ricoverata. Presenta tumefazioni ed ecchimosi in varie parti del corpo, nonché segni di morsi a dimostrazione della brutalità con la quale è stata aggredita. Partono le ricerche dell’aggressore.

L'arresto. La descrizione fornita dalla minore è sufficiente per rintracciare l’uomo a poca distanza dalla Stazione. Una volante del servizio investigativo del Commissariato di Opicina lo arresta e lo porta in carcere (dove speriamo NON esca mai più). L'iracheno era arrivato a Trieste a gennaio di quest'anno.
(Il Piccolo)

Condividi la nostra Campagna Informativa
"No alla Violenza sulle Donne"
- clicca qui -


Articolo a cura di
Maris Davis
Condividi su Facebook


image

Video in Primo Piano